L’italianità nel Vallese


Categoria:
Pratiche sociali
  • Espressioni orali
  • Arti dello spettacolo
Cantone:

Descrizione

Nonostante la loro connotazione mediterranea, dei nomi come Pierre Gianadda e Denis Rabaglia ricordano a colpo sicuro il Vallese. Gli italiani, primo grande gruppo di migranti stabilitisi nel Cantone, hanno contribuito sostanzialmente alla sua vita economica, sociale e culturale e continuano a farlo oggi. Questo contributo costante nel tempo si traduce nell'apporto di differenti associazioni: missioni cattoliche, colonie italiane, società scientifiche, club di calcio, compagnie teatrali, ecc. Si manifesta anche attraverso singole persone, come le due citate in apertura, imprenditori edili diventati mecenati sportivi o culturali, cineasti, umoristi, scrittori, ricercatori, ecc. Tutte queste sfaccettature dell'italianità nel Vallese ricordano che l'identità sociale e culturale della regione, le sue «tradizioni viventi», si elaborano e si modulano in permanenza nella relazione complessa instauratasi tra coloro che si spostano, partendo o arrivando, e coloro che restano. Un bel modo di «contribuire a una presa di coscienza della diversità culturale in Svizzera e del suo potenziale creativo» come auspica la Convenzione del 2003. Il caso dell'immigrazione italiana nel Vallese appare esemplare e spiana la strada ad altri gruppi di immigrati – spagnoli, portoghesi, tamil e cossovari – che s'installano in Svizzera, con dinamiche di scambio tra la popolazione locale e gruppi di migranti analoghe sul piano nazionale.

Gallerie di immagini

  • L’Occhio, rivista degli italiani di Sion, n. 1, marzo 1993
  • Pierre Imhasly: «Italiens parmi nous» («Treize Etoiles» vol. 5, 1970, p. 34) © Pierre Imhasly/ Ed. Pillet
  • Pierre Imhasly: «Italiens parmi nous» («Treize Etoiles» vol. 5, 1970, p. 35) © Pierre Imhasly/ Ed. Pillet
  • Registro manuale degli operai dell'impresa edile Bertelletto, Sion, 1950-1980 circa © Musée d’histoire du Valais, Sion
  • Ragazze della colonia italiana Don Bosco, Sion, 5 aprile 1954 © Raymond Schmid/Médiathèque Valais, Martigny
  • Immigrata italiana alla stazione di Briga, 1963 © Oswald Ruppen/Médiathèque Valais, Martigny
  • Missione cattolica italiana, Naters, 1976 © René Ritler/Médiathèque Valais, Martigny
  • Anne-Marie Cuttat: Une pluie d’or sur le verger (estratto da «Migros Magazine» n. 29, 19 luglio 2011, p. 26-29) © Anne-Marie Cuttat, Charly Rappo/Migros Magazine
  • L’Occhio, rivista degli italiani di Sion, n. 1, marzo 1993
  • Pierre Imhasly: «Italiens parmi nous» («Treize Etoiles» vol. 5, 1970, p. 34) © Pierre Imhasly/ Ed. Pillet
  • Pierre Imhasly: «Italiens parmi nous» («Treize Etoiles» vol. 5, 1970, p. 35) © Pierre Imhasly/ Ed. Pillet
  • Registro manuale degli operai dell'impresa edile Bertelletto, Sion, 1950-1980 circa © Musée d’histoire du Valais, Sion
  • Ragazze della colonia italiana Don Bosco, Sion, 5 aprile 1954 © Raymond Schmid/Médiathèque Valais, Martigny
  • Immigrata italiana alla stazione di Briga, 1963 © Oswald Ruppen/Médiathèque Valais, Martigny
  • Missione cattolica italiana, Naters, 1976 © René Ritler/Médiathèque Valais, Martigny
  • Anne-Marie Cuttat: Une pluie d’or sur le verger (estratto da «Migros Magazine» n. 29, 19 luglio 2011, p. 26-29) © Anne-Marie Cuttat, Charly Rappo/Migros Magazine

Referenze e dossier

Pubblicazioni
  • Thomas Antonietti, Marie Claude Morand : Valais d’émigration – Auswanderungsland Wallis (Cahiers d’ethnologie valaisanne 2). Sion, 1991

  • Léonard Gianadda : Leonard Gianadda présente son projet de Fondation, 1977

  • Elisabeth Joris (et al.): Tiefenbohrungen: Frauen und Männer auf den grossen Tunnelbaustellen der Schweiz, 1870-2005. Baden. 2006

  • Jean-Henry Papilloud et al. : Le Valais et les étrangers, XIXe-XXe (Société et culture du Valais contemporain 5). Sion, 1992

  • Adrien Pasquali : Le pain du silence. Carouge-Genève, 1999

  • Sedunum Nostrum : Le couvent des capucins de Sion. Sedunum Nostrum no. 66, Sion, 1998

Dossier