Il Natale dell’Appenzello Interno


Categoria:
Pratiche sociali
Cantone:

Descrizione

Il Cantone di Appenzello Interno è conosciuto per la grande varietà di tradizioni natalizie, che risvegliano tutti i sensi. Il periodo natalizio inizia con l’esposizione dei «Chlausebickli» multicolori (dolci al pan pepato dipinti) per Ognissanti. I bambini ricevono in regalo dal proprio padrino o dalla propria madrina dei «Chlausebickli», che non possono essere consumati subito, ma verranno successivamente impiegati per costruire il «Chlausezüüg» natalizio. Oltre ai «Chlausebickli», anche i Devisli servono necessariamente per il «Chlausezüüg», oggi composto da una struttura pentagonale in legno che si assottiglia verso l’alto. L’interno era originariamente composto da un cono di «Filebrood» (un dolce a forma di treccia), «Biberfladen» (un dolce tipico), mele, noci e pere essiccate. I «Devisli» sono formine di pasta allo zucchero fatte seccare. Plasmate artisticamente, raffigurano vari soggetti tratti dalla vita contadina dell’Appenzello Interno. La vigilia di Natale i vicoli e le case dell’Appenzello Interno profumano d’incenso. Chierichetti, uomini, donne e bambini girano con un incensiere o con il cosiddetto «Räuchlipfanne» nelle loro case, officine e stalle per benedirle.

Gallerie di immagini

  • «Chlausezüüg» con «Filebrood», «Biberfladen», noci, mele e pere essiccate all'interno © Emil Grubenmann/Museum Appenzell, Appenzell 1958
  • «Chlausezüüg» con telaio in legno all'interno © Joe Manser, Appenzell 2008
  • Veduta della ex panetteria Fuchs in Hauptgasse, Appenzello © Emil Grubenmann sen./Museum Appenzell, Appenzell 1964
  • «Filebrood» in una panetteria dell'Appenzello Interno © Emil Grubenmann sen./Museum Appenzell, Appenzell um 1960
  • «Devisli» modellati e dipinti da Vreny Eugster © Museum Appenzell, 2010
  • Ruedi Manser, Schlatt (AI) durante il «Räuchle» nella stalla © Ernst Hohl, Urnäsch 2008
  • La signora Koller, «Maredlis», durante il «Räuchle» in Weissbadstrasse, Appenzello © Emil Grubenmann sen./Museum Appenzell, Appenzell um 1960
  • «Chlausezüüg» con «Filebrood», «Biberfladen», noci, mele e pere essiccate all'interno © Emil Grubenmann/Museum Appenzell, Appenzell 1958
  • «Chlausezüüg» con telaio in legno all'interno © Joe Manser, Appenzell 2008
  • Veduta della ex panetteria Fuchs in Hauptgasse, Appenzello © Emil Grubenmann sen./Museum Appenzell, Appenzell 1964
  • «Filebrood» in una panetteria dell'Appenzello Interno © Emil Grubenmann sen./Museum Appenzell, Appenzell um 1960
  • «Devisli» modellati e dipinti da Vreny Eugster © Museum Appenzell, 2010
  • Ruedi Manser, Schlatt (AI) durante il «Räuchle» nella stalla © Ernst Hohl, Urnäsch 2008
  • La signora Koller, «Maredlis», durante il «Räuchle» in Weissbadstrasse, Appenzello © Emil Grubenmann sen./Museum Appenzell, Appenzell um 1960

Documenti video

Tradizioni natalizie nell'Appenzello interno: «Räuchle» © Thomas Karrer/Museum Appenzell, 2007

Tradizioni natalizie nell'Appenzello interno: produzione dei «Chlausebickli» © Thomas Karrer/Museum Appenzell, 2007

Tradizioni natalizie nell'Appenzello interno: «Vögl, Filebrood ond Chääsflade» © Thomas Karrer/Museum Appenzell, 2005

Referenze e dossier

Pubblicazioni
  • Ferdinand Fuchs: Das religiöse Brauchtum in Innerrhoden. In: Unser Innerrhoden. Ed. Landesschulkommission Appenzell Innerrhoden. Mit Beiträgen von Josef Küng, Ferdinand Fuchs, Roland Inauen, Oskar Keller, Joe Manser, Johann Manser, Edi Moser, Alfred Sutter. Appenzell, 2003

  • Albert Spycher: Ostschweizer Lebkuchenbuch. St.Galler und Appenzeller Biber, Biberfladen und Verwandte. Herisau, 2000

  • Walter Koller: Leben und Brauchtum in Appenzell Innerrhoden. Herisau/Trogen, 1983

Dossier