Pratiche di guarigione con la preghiera


Categoria:
Natura e universo
Cantone:

Descrizione

Nel Cantone di Appenzello Interno vivono guaritori empirici che, pur non praticando la professione medica, riescono ad alleviare i dolori, a togliere la febbre, ad arrestare i sanguinamenti, a eliminare le verruche o a «spegnere» le infiammazioni con l'ausilio di formule magiche o rituali di benedizione tramandati dagli antenati. Questo potere taumaturgico passa di generazione in generazione, perciò il guaritore non può chiedere alcun onorario per il proprio intervento.

Rispetto ad altre regioni, nell'Appenzello Interno la tradizione delle pratiche curative si è mantenuta particolarmente viva grazie a un ambiente (quello cattolico) fertile per questo tipo di credenze. L'usanza di guarire mediante la preghiera è diffusa anche nella Svizzera centrale e occidentale, specialmente nei Cantoni del Giura e di Friburgo. I guaritori assimilano la loro attività alla preghiera o quantomeno la considerano intimamente legata a essa. Quale importanza sia attribuita dalla medicina scientifica a queste pratiche è difficile da stimare. È certo, invece, che nonostante la maggior parte della popolazione di Appenzello Interno sappia dell'esistenza di questa «subcultura» medica, il fenomeno rimane perlopiù nascosto allo sguardo altrui. Nei racconti di molte persone si trovano però numerosi casi di guarigioni prodigiose e inattese, tutte accomunate dai rituali curativi che fanno capo alla preghiera.

Gallerie di immagini

  • Testo con formule rituali di guarigione per ferite, emorragie, spasmi e coliche, 1900 ca. © Michael Rast/Museum Appenzell
  • Testo con formule rituali di guarigione per affezioni articolari, dell'utero, infiammazioni ecc., 1900 ca. © Michael Rast/Museum Appenzell
  • Registrazione di una formula rituale di guarigione tramandata oralmente, Appenzello 1994 © Roland Inauen/Museum Appenzell
  • Registrazione di una formula rituale di guarigione tramandata oralmente, Appenzello 1994 © Roland Inauen/Museum Appenzell
  • Testo con formule rituali di guarigione per ferite, emorragie, spasmi e coliche, 1900 ca. © Michael Rast/Museum Appenzell
  • Testo con formule rituali di guarigione per affezioni articolari, dell'utero, infiammazioni ecc., 1900 ca. © Michael Rast/Museum Appenzell
  • Registrazione di una formula rituale di guarigione tramandata oralmente, Appenzello 1994 © Roland Inauen/Museum Appenzell
  • Registrazione di una formula rituale di guarigione tramandata oralmente, Appenzello 1994 © Roland Inauen/Museum Appenzell

Referenze e dossier

Pubblicazioni
  • Martina Bühring: Heiler und Heilen. Eine Studie über Handauflegen und Besprechen in Berlin. Berlin, 1993

  • Anita Chmielewski-Hagius: «Was ich greif, das weich…». Heilerwesen in Oberschwaben, Münster, 1996

  • Roland Inauen, Erhard Taverna, Rudolf Widmer, Peter Witschi: Kräuter und Kräfte. Heilen im Appenzellerland. Ed. Walter Irniger. Herisau, 1995

  • Ebermut Rudolph: Die geheimnisvollen Ärzte. Von Gesundbetern und Spruchheilern. Olten, 1977

  • Ingo Schneider: Volksmedizin zwischen Tradition und Moderne. Von SchruchheilerInnen und MagnetiseurInnen im Montafon. In: Schweizerisches Archiv für Volkskunde 89. Basel, 1993, p. 87-100

Dossier
  • Gebetsheilen

    Ausführliche Beschreibung Ultima modifica: 04.06.2018
    Grandezza: 169 kb
    Tipo: PDF