La produzione del carbone di legna nell'Entlebuch


Categoria:
Artigianato tradizionale
  • Natura e universo
Cantone:

Descrizione

Il termine «Köhlern» designa il legname che arde in una carbonaia per la produzione del carbone di legna. Nel Comune di Romoos nell'Entlebuch (Lucerna), a carattere fortemente agricolo, gli ultimi carbonai della Svizzera praticano questo antico mestiere come attività accessoria. La carbonaia vanta una tradizione secolare nel Napfbergland. Poiché i boschi non sono stati sfruttati per molto tempo, i tronchi sono rimasti inutilizzati ed è stato necessario ripiegare sulla produzione del carbone di legna. Nel solo Comune di Romoos si contano più di 200 carbonaie storiche. La parte più dispendiosa del lavoro consiste nel produrre e preparare una carbonaia a cielo aperto, composta da residui di legname impilati in una catasta di circa quattro metri di altezza e dieci metri di larghezza. Una volta accesa, la carbonaia arde, sotto costante supervisione del carbonaio, per circa due settimane. Infine, si procede all’estrazione del carbone, un’attività decisamente spossante e alquanto impegnativa. Con questo procedimento, i carbonai di Romoos producono ogni anno circa 100 tonnellate di carbone all’anno. Fino agli anni Ottanta, l’industria siderurgica era il principale acquirente del frutto del loro lavoro; quando invece questa cerchia di acquirenti si è ritirata, i carbonai si sono specializzati nel mercato di carbonella per barbecue.

Gallerie di immagini

  • Costruzione della carbonaia e allestimento del pozzo («Füllihus») al centro, 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • La griglia è la base della carbonaia, al cui centro si erge il «Füllibaum» impiantato, 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • Un carbonaio applica la «Löschi» alla carbonaia la cui parte superiore è coperta di rametti di pino, 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • Dalla carbonaia ardente fuoriesce il vapore acqueo, 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • Il carbonaio regola il processo di carbonificazione forando le pareti, 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • Ogni due o tre ore, la carbonaia viene attizzata mediante l'aggiunta di carboni ardenti nella «Füllihus», 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • Da una carbonaia spenta vengono estratte fino a sei tonnellate di carbonella per barbecue, 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • Da una generazione all'altra: il carbonaio Anton Häfliger dello Schnürhüsli a Romoos, attorno al 1895 © Paul Duss, Romoos
  • I carbonai Josef Häfliger e Franz Koch di Romoos davanti a una carbonaia durante la seconda Guerra mondiale © Paul Duss, Romoos
  • Costruzione della carbonaia e allestimento del pozzo («Füllihus») al centro, 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • La griglia è la base della carbonaia, al cui centro si erge il «Füllibaum» impiantato, 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • Un carbonaio applica la «Löschi» alla carbonaia la cui parte superiore è coperta di rametti di pino, 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • Dalla carbonaia ardente fuoriesce il vapore acqueo, 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • Il carbonaio regola il processo di carbonificazione forando le pareti, 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • Ogni due o tre ore, la carbonaia viene attizzata mediante l'aggiunta di carboni ardenti nella «Füllihus», 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • Da una carbonaia spenta vengono estratte fino a sei tonnellate di carbonella per barbecue, 1980-2005 © Paul Duss, Romoos
  • Da una generazione all'altra: il carbonaio Anton Häfliger dello Schnürhüsli a Romoos, attorno al 1895 © Paul Duss, Romoos
  • I carbonai Josef Häfliger e Franz Koch di Romoos davanti a una carbonaia durante la seconda Guerra mondiale © Paul Duss, Romoos

Referenze e dossier

Pubblicazioni
  • Michael Arnold: Die Meilerköhlerei in den Wäldern der Luzerner Napfgemeinde Romoos. Entwicklung einer fortswirtschaftlichen Nebennutzung im 19. und 20. Jahrhundert. Diplomarbeit am Geographischen Institut der Universität Zürich, 1982

  • Josef Duss: Holzköhlerei am Cholfirst. Ed. Schmiedezunft Eligius. Schlatt, 1978

  • Paul Duss: Holzköhlerei in Romoos. Romoos, 2008

  • Anne-Marie Dubler: Köhlerei. In: Historisches Lexikon der Schweiz. Bern, 2008 (www.hls-dhs-dss.ch/textes/d/D14031.php)

Dossier