Le braderie dell’Arco giurassiano


Categoria:
Pratiche sociali
Cantone:

Descrizione

Le braderie sono dei grandi avvenimenti popolari che si svolgono nell’Arco giurassiano (Bienne, La Chaux-de-Fonds, Moutier e Porrentruy). In origine, negli anni Trenta, erano delle fiere durante le quali i commercianti locali mettevano in saldo la merce per sbloccare la situazione economica sfavorevole di quei tempi. In seguito le braderie si sono man mano trasformate coinvolgendo sempre di più le società locali (associazioni sportive, culturali, comunitarie, ecc.) fino a diventare dei grandi raduni in cui la popolazione si incontra, mangia, beve e fa festa per un intero fine settimana. Le braderie si svolgono ogni due anni alla fine dell’estate, tranne quella di Bienne che si tiene annualmente all’inizio dell’estate.

Si usa dire che «Porrentruy lievita dieci volte» e che «Bienne si triplica» durante la locale braderie. E pare non siano semplici modi di dire, considerato che 40 000 visitatori si recano a Moutier, 65 000 a Porrentruy, 140 000 a Bienne e adirittura 150 000 a La Chaux-de-Fonds. Oltre alla popolazione locale che attende con impazienza la manifestazione, è tutto il bacino regionale che si sposta per fare festa. La braderie è anche un appuntamento imprescindibile per chi vive altrove e torna in patria qualche giorno per incontrare amici d’infanzia nei locali, ai cortei e di fronte alle fanfare durante il fine settimana in cui la festa impazza.

Gallerie di immagini

  • Fuochi d’artificio al Castello di Porrentruy (Porrentruy, 2016) © reginefoto
  • Carro fiorito durante il corteo della braderie di Porrentruy (Porrentruy, 1966) © Braderie de Porrentruy
  • Bovini sfilano durante il corteo della braderie di Porrentruy (Porrentruy, 1966) © Braderie de Porrentruy
  • Ogni anno la braderie di Bienne attira quasi 140 000 visitatori (Bienne, 2016) © Bieler BRADERIE biennoise
  • La ruota panoramica sul piazzale della stazione è un must della braderie (Bienne, 2016) © Bieler BRADERIE biennoise
  • Il corso fiorito è stata l’attrazione principale della braderie di Bienne fino agli anni Novanta (Bienne, non datata) © Mémoire régionale – regionales gedächtnis, Sammlung Aare
  • Ogni due anni la braderie di Moutier attira quasi 40 000 visitatori (Moutier, 2015) © Jacques Stalder
  • Le fanfare animano la città (Moutier, 1987) © Mémoires d’Ici, Fonds La Suisse
  • Giostre e ruota panoramica sono irrinunciabili per questa manifestazione anzitutto festiva (Moutier, 2015) © Jacques Stalder
  • Carro della federazione operaia FOMH (La Chaux-de-Fonds, 1940) © Musée d’histoire de La Chaux-de-Fonds

Documenti video

1e Braderie de La Chaux-de-Fonds, Extrait du Ciné-Journal Suisse : La Chaux-de-Fonds En marge de la crise horlogère, 1932. Crédit audiovisuel : Bibliothèque de la Ville, La Chaux-de-Fonds, Département audiovisuel

Referenze e dossier

Pubblicazioni
  • Kurt Tanner: Aus der Krise geborenes Sommerfest: 50 Jahre Bieler Braderie. In: Bieler Jahrbuch = Annales biennoises. Biel, 1986, p. 207-210

  • Gérald Hammel et al. : 60 ans de braderie à Porrentruy. Ed. Comité d'organisation de la 26e Braderie. Porrentruy, 1996

  • Sylviane Musy : Voyage à travers les braderies d'hier à aujourd'hui. Conférence, Musée d'histoire de La Chaux-de-Fonds, 3 septembre 2017 (non publiée)

  • Jean-Pierre Jelmini : Vendanges et Braderie : un canton à deux fêtes. In : Présences (Cahier 35). Ed. Alliance culturelle romande. Pully, Genève, 1988, p. 66-74

  • Colin Vollmer : Après le vote, l'édition de la réconciliation. In : Le Quotidien jurassien, 24.08.2017

  • Anne Deschamps : La Braderie de tous les records. In : Le Quotidien jurassien, 26.08.2016

  • Maurice Edmond Perret : Foires et marchés en Suisse. In : Le Globe - Revue genevoise de géographie 99, 1959, p. 65-100

Dossier